Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie! Ciò accade perché la funzionalità o i contenuti contrassegnati come “% SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: click here to open your cookie preferences.

Food Marketing: Cos’è e come applicarlo al tuo ristorante

Tutte le decisioni che prendi per aprire, gestire e far crescere il tuo ristorante, dovrebbero avere alla base l’applicazione dei principi e tecniche del Food Marketing.

Certo anche l’esperienza è importante. Anni e anni nel settore della ristorazione significa conoscerlo molto bene e saper come agire e gestire varie situazioni.

Oggi non solo non basta, ma questo approccio è molto pericoloso, vediamo insieme perché.

Esperienza e Food Marketing: due aspetti che devono integrarsi.

L’esperienza, come suggerisce il significato stesso della parola,  presuppone il fare errori sulla propria pelle e a proprie spese, imparando proprio dagli questi sbagli, cercando di non ripeterli più. Questo implica perdite economiche e diversi problemi collaterali.    

Il mercato e le esigenze dei consumatori nel mondo Food and Beverage è cambiato molto rispetto agli ultimi anni. Gli errori di inesperienza, che un tempo venivano ben assorbiti dagli imprenditori, oggi possono facilmente determinare il fallimento di un’attività ristorativa.

La maggior parte delle decisioni si prendevano basandosi sull’istinto e sulle proprie sensazioni, frutto della consapevolezza di avere anni di “esperienza” alle spalle. Molto spesso ci si prende, ma altre volte no e non dipende da quanto si conosce bene il proprio lavoro, dipende dal fatto che non avendo un approccio analitico, basato su dati certi, la percentuale di commettere errori aumenta.

Oggi non è più sufficiente realizzare un buon prodotto per posizionarsi in modo vincente.

Vuoi veramente basare il tuo business, rischiare i tuoi soldi e investire il tuo tempo basando tutto solo sull’esperienza fatta sul campo?

Se la risposta è no, allora sei nel posto giusto, possiamo scoprire insieme cos’è il Food Marketing e come applicarlo al tuo ristorante.

Cos’è il Food Marketing e come può aiutarti

Il Food Marketing è l’insieme delle tecniche di marketing e comunicazione applicate al mondo del Food and Beverage, ha un approccio analitico e l’obiettivo di aiutarti ad acquisire, fidelizzare clienti e ottimizzare il tuo business.

In fase di pre-apertura dell’attività il Food Marketing ti aiuta a:

    • Scegliere il concept del ristorante;
    • Studiare il target e il mercato di riferimento;
    • Sviluppare il design interno;
    • Sviluppare la proposta enogastronomica (menu e food cost);
    • Formazione del personale;
    • Strategia di comunicazione e marketing per l’apertura dell’attività;
    • Primo sviluppo presenza web

    Nella fase di gestione dell’attività il Food Marketing ti aiuta a:

    • Acquisire un flusso costante di clienti;
    • Migliorare l’esperienza dei clienti all’interno del locale;
    • Sviluppare una strategia di fidelizzazione dei clienti;
    • Accrescere la popolarità del Ristorante online e offline (Brand Awareness);
    • Food Marketing: esempi vincenti

    Brand famosi con strategie di Food Marketing di successo

    Tutti i Brand nel settore Food che sono diventati famosi, hanno raggiunto questo risultato anche e sopratutto alla pianificazione e lo sviluppo delle strategie di food marketing appena descritte qui sopra.

    Old Wild West

    Fondato nel 2002 adesso conta moltissimi franchisee nel territorio italiano ed è uno dei Food Brand più popolari d’Italia. Un concept che richiama il “vecchio west”, con capanne di indiani, porte da saloon e carne alla griglia.

    Alice Pizza

    Con un prodotto di qualità, una strategia ben chiara e molta determinazione, anche una piccola pizzeria può diventare un Brand famoso. Infatti, aperto negli anni 90, questo piccolo forno di Roma, è diventato uno dei franchising più importanti d’Italia.

    La Piadineria

    Nel 2021 conta oltre 225 ristoranti in 60 città italiane. La Piadineria è l’ideale per una pausa veloce, ma gustosa. Ha portato in tutta Italia un prodotto tipico della riviera romagnola, innovando e conquistando il settore dei fast food all’italiana.

    Grom

    La mission dei due fondatori era molto semplice: fare il gelato più buono del mondo. Per raggiungere l’obiettivo ci vogliono gli ingredienti migliori, una ricetta segreta e la replicabilità del prodotto per soddisfare tutti i punti vendita in Italia e nel mondo. Loro ci sono riusciti.

    Questi 4 Brand hanno una caratteristica in comune: un approccio analitico e strategie di Food marketing vincenti.

    Come applicare il Food Marketing al tuo ristorante

    Scegliere il concept del ristorante;

    Prima di aprire un ristorante dovresti avere le idee chiare su che tipologia di cucina vuoi proporre, quale stile o mood vuoi sviluppare e qual’è la mission che vuoi comunicare. Ecco, per concept si intende proprio questo.

    Nel corso del processo di decisione del concept, oltre alla fattibilità tecnica del progetto, da buon imprenditore devi valutare il mercato e il target ideale per il la tua idea di business, verificando l’esistenza di un’effettiva domanda del mercato.

    Se vuoi capire meglio come scegliere la tipologia della tua attività ristorativa, puoi leggere quest’articolo dove si parla proprio di come scegliere il concept di un ristorante. 

    Studiare il target e il mercato di riferimento;

    Deciso il concept di un ristorante, il primo punto da approfondire è lo studio dei potenziali clienti. Capire il target interessato alla tua idea di ristorazione. Affidarsi a un professionista che ti possa fare delle specifiche ricerche di mercato è fondamentale per non fare buchi nell’acqua e vanificare il tuo investimento.

    Dalle ricerche di mercato si riesce a capire veramente di cosa c’è bisogno nella zona dove si aprirai il tuo locale, quali sono le persone potenzialmente interessate alla tua idea di concept (target clienti). Senza avere queste informazioni si alza di molto la probabilità di insuccesso.

    Più conosci a fondo il tuo target clienti, più riesci a fare scelte consapevoli, aumentando le probabilità che il tuo ristorante abbia un buon successo.

    Ecco alcune domande che ti aiutano a capire come trovare il target clienti per il tuo ristorante. Prova a rispondere…

    • Qual è la fascia d’età media dei tuoi clienti?
    • In che percentuale si dividono tra femmine e maschi?
    • Quali sono le percentuali di coppie, amici, colleghi e famiglie?
    • Che tipo di vita conduce il tuo cliente ideale?
    • In che zona vive?
    • Che budget di spesa ha?
    • Religione? Abitudini o esigenze alimentari?
    • Che cosa desidera quando viene nel tuo locale?
    • Quali sono le cose che apprezza di più e quelle che apprezza di meno?
    • Che problemi riscontra quando frequenta locali simili al tuo?
    • Quali esigenze ha?
    • Quali valori condivide?
    • In quali social network è più attivo?
    • Come si comporta online?
    • Quali cibi ama di più, carne, pesce, pasta, pizza?
    • Con quale frequenza mangia fuori casa in locali come il tuo?

    Avere la risposta a queste e anche altre domande, ti permetterà di delineare un’identikit ben preciso del tuo potenziale cliente (buyer persona) e questo ti dara dei vantaggi fondamentali.

    Sviluppare il design interno;

    A seconda che sia un, Fast food, una pizzeria informale, una ristorazione raffinata, un locale in stile moderno o industrial, una bisteccheria, ecc.. ti consiglio di affidarti ad un interior designer esperto nel settore Food and Beverage.

    Un professionista può aiutarti a progettare bene tutti gli spazi, dal magazzino alla cucina, dalla sala al patio esterno. Oltre a far questo però, può sopratutto dare un’aspetto al tuo locale che rappresenti proprio il concept, l’idea che avevi in mente. Creare un ambiente perfettamente in linea al tuo target clienti è molto importante.

    Conosci il modo di dire “Si mangia anche con gli occhi”? È proprio così!

    L’esperienza di un cliente all’interno di un ristorante si basa molto sull’arredamento e lo stile interno del locale stesso e non solo sulla qualità del cibo.

    L’insegna, l’arredamento, la disposizione dei tavoli, l’organizzazione degli spazi, stampe, immagini e quadri, espositori a vista, pannelli con immagini #foodporn dei tuoi piatti. Qualunque sia la tipologia del locale non devi lasciare nulla al caso.

    Questi sono anche veri e propri strumenti di marketing che hanno un duplice scopo: da una parte ti permettono di migliorare l’esperienza del cliente e dall’altra lo stimolano a fare delle scelte piuttosto che altre.

    In questo supermercati, autogrill e grandi centri commerciali sono abilissimi. Parlo di Shelf Marketing, letteralmente marketing dello scaffale. Tutto viene studiato allo scopo di catturare l’attenzione dei clienti e spingerli così all’acquisto guidato, con l’obiettivo di incrementare le vendite.

    Nel caso volessi aprire più punti vendita allora il design interno sarà ancor di più, un aspetto che aiuterà i clienti a identificare il tuo Brand. In ogni caso, se riuscirai a creare un ambiente ideale, sarà uno degli investimenti migliori che potrai fare sulla tua attività ristorativa.

    Sviluppare la proposta enogastronomica (menu, copy e food cost);

    Non a caso la scelta dei piatti da proporre nel tuo locale, viene dopo la scelta del concept e dello studio del target. Infatti proprio questi due aspetti ti daranno moltissime informazioni utili per poter scegliere una proposta enogastronomica coordinata alla tipologia di locale e ideale per il tuo target clienti.

    Non appena dopo aver buttato giù una bozza del menu, dovrai metterlo su carta e online (eh già, non puoi più prescindere dal menu online).

    Ci sono molte statistiche che dimostrano quanto sia importante organizzare graficamente il menù del tuo locale. In molti casi solamente riprogettando il menù si può aumentare del 30% lo scontrino medio.

    L’ingegnerizzazione del menù prevede tutta una serie di interventi: dalla grafica al testo, dalle descrizioni alla disposizione dei prezzi, dai colori all’ordine dell’elenco dei piatti.

    Tutte queste azioni seguono le linee guida del neuromarketing: l’applicazione delle conoscenze e delle pratiche neuroscientifiche al marketing.

    Il neuromarketing applicato al food, ha l’obiettivo di creare valore all’imprenditore sfruttando alcuni meccanismi e ragionamenti mentali inconsci e comuni a tutti noi.

    Che sia cartaceo o online, la proposta enogastronomica deve essere transcitta nel menu seguendo regole precise, affidarsi a mani esperti è sicuramente la scelta migliore.

    Scelta e Formazione del personale;

    Il personale deve essere scelto in maniera coerente alla tipologia di locale e deve essere formato costantemente. Nel bene o nel male, il personale è determinante in un’attività ristorativa.

    Se ben selezionato, formato e motivato è l’arma di marketing più potente all’interno dell’attività. Lo staff di sala è costantemente a contatto con i clienti e svolge ruoli fondamentali, come: l’accoglienza, il servizio al tavolo o al banco, la pulizia degli ambienti, la gestione di eventuali problematiche.

    Il personale di sala, ad esempio, oltre che essere formato “tecnicamente” nel portare i piatti, e muoversi abilmente tra sala e cucina, dovrebbe conoscere a fondo i piatti e le materie prime che serve e dovrebbe avere delle competenze di comunicazione proattiva per gestire al meglio ogni situazione con i propri clienti.

    Strategia di comunicazione e food marketing per l’apertura dell’attività;

    Ancor prima di aprire la tua attività ristorativa dovresti già aver pronto il sito web per il tuo ristorante, il piano editoriale sul blog e i social network, aver pianificato una campagna pubblicitaria da far girare nei canali digitali e tradizionali dove si trova il tuo target clienti.

    L’obiettivo della comunicazione per l’apertura dell’attività ristorativa è quella di intercettare il target clienti e informarlo con contenuti creativi e di valore che finalmente ha aperto il locale perfetto per loro, proprio quello che stavano aspettando.

    Ecco 5 consigli utili da fare prima di aprire:

    1. Formati, informati e aggiornati. Diventa veramente esperto del tuo settore come pochi altri lo sono.

    2. Crea contenuti gratuiti di valore e raggiungi il tuo target. Comunica online la storia del brand, come è stato ideato, qual’è il concept, la mission, a quali esigenze risponde e quali sono i valori che promuovi.

    3. Pianifica il piano editoriale sul blog e social con video, articoli e post che rispondano alle esigenze del tuo target e che diano delle risposte alle potenziali esigenze dei tuoi clienti.

    4. Coinvolgi altri esperti del settore Food, pubblica articoli su siti autorevoli e instaura rapporti di digital PR con riviste online e microinfluencer.

    5. Crea delle Joint Venture vincenti, collaborando con le attività della tua zona (online e offline) o con altri brand con cui avete un target in comune.

    Food Marketing: acquisire un flusso costante di clienti;

    Il carburante di ogni ristorante sono i clienti. Non è più pensabile aspettare passivamente che i clienti entrino da soli nel locale. È fondamentale studiare e applicare le strategie efficaci per creare un flusso di clienti costante e in modo automatizzato.

    Durante questa fase, infatti, ci si focalizza su tutte quelle attività di marketing e digital marketing, che hanno l’obiettivo di creare un metodo standardizzato e possibilmente automatico di acquisizione clienti.

    Migliorare l’esperienza dei clienti all’interno del locale;

    In questo caso si parla di Food Experience, ossia la qualità del tempo che passano i clienti all’interno del tuo locale o consumando i tuoi prodotti a domicilio, ma questo lo approfondiremo in un altro articolo.

    Le recenti strategie commerciali di Food Marketing puntano sull’immagine, sulla stimolazione dei sensi, si parla di marketing sensoriale e appunto di Food Experience.

    È sempre più evidente la tendenza che porta le persone a prenotare in un ristorante piuttosto che in un altro, non solamente per la qualità del cibo, ma per l’esperienza che riesce a garantire. In quest’ottica vincono sicuramente i locali che riescono a comunicare meglio online e che riescono a catturare l’attenzione del proprio target.

    Non sto dicendo che il piatto che proponi non debba essere buono e di qualità, ma non è più sufficiente. La vera sfida della nuova ristorazione è far vivere un’esperienza totale al cliente. Un’esperienza cucita su misura per le esigenze di una determinata tipologia di persone.

    Facciamo qualche esempio…

    Se ti proponi come ristorante romantico di pesce sul mare, fascia medio alta, oltre a curare la qualità e la presentazione delle portate, devi creare un’atmosfera che sia all’altezza dell’aspettava del cliente. Dalla formazione del personale, alla musica di sottofondo, dall’illuminazione degli ambienti alla presentazione dei piatti.

    Se ti proponi come pizzeria family friendly devi avere degli ampi spazi, possibilmente aree gioco per bambini, prevedere serate con animazione, proporre menù dedicati ai più piccoli, avere delle toilette organizzate con fasciatoio e altri servizi per le mamme, ecc..

    Questi sono concetti che sembrano banali, eppure pochi li applicano veramente. Ti assicuro che curare questi dettagli ti garantiranno una migliore soddisfazione del cliente e questo si traduce con migliori recensioni, passaparola positivo e fidelizzazione nel tempo.

    Sviluppare una strategia di fidelizzazione dei clienti;

    Parliamo proprio di fidelizzazione, ossia la capacità di mantenere il rapporto con il cliente per il maggior tempo possibile. Un cliente fidelizzato torna più spesso nel tuo ristorante e sarà un tuo grande sponsor sia online che offline. Inoltre è più facile tentare di fidelizzare un cliente che acquisirne uno nuovo.

    Il primo obiettivo quindi è quello di far in modo che il cliente si trovi bene e il secondo è far in modo che torni, quindi devi avere una strategia per restare in contatto con lui e per restare ben presente nella sua mente.

    Immagina che Mario è un tuo cliente che è venuto a mangiare nel ristorante. Alla fine lo saluti, ti conferma che si è trovato benissimo e che tornerà presto. Nonostante questa promessa, passano 3 mesi e Mario non torna. Sicuramente durante questo periodo Mario è stato preso da diversi impegni e non ha avuto modo di tornare nel tuo locale.
    Tre mesi dopo, Mario ha voglia di mangiare in ristorante come il tuo ma, dopo tutto questo tempo senza mantenere un contatto con te, potrebbe non ricordarsi all’istante del tuo locale e ricordarsi invece di un altro ristorante e sceglierà di mangiare lì.

    Perché se Mario si era trovato bene nel mio ristorante ha deciso di mangiare in un altro locale?

    Semplice, perché in quel momento ha scelto il primo locale che gli è venuto in mente per primo.

    Grazie a mail marketing, comunicazione mirata sui social, retargeting sul sito puoi tenerti in contatto con Mario. Deve essere una comunicazione di valore, ricordagli che è un cliente importante e che dall’ultima pizza che ha mangiato ne è stata introdotta una variante gourmet che aspetta solo di essere assaggiata.

    Successivamente puoi comunicargli anche piccoli vantaggi, come un calice di vino omaggio, un dolce. Quando organizzi degli eventi invitalo ufficialmente e allega un buono sconto. Un mese prima del suo compleanno fagli sapere che la bottiglia per brindare la offrirai tu.

    In questo modo Mario si sentirà coccolato e avrà voglia di ricambiare tutta questa attenzione che gli stai riservando. Puoi star certo che non appena gli verrà voglia di mangiare, bere e passare del tempo in un locale come il tuo, sarai la prima e forse unica soluzione che gli verrà in mente.

    Crearti uno buon numero di clienti fidelizzati è il primo passo per garantirti la crescita del tuo Brand

    Più un marchio è riconosciuto e riconoscibile dalle persone, più diciamo che ha una buona Brand Awareness (consapevolezza di marca). In questo caso per Brand intendiamo il nome del tuo locale.

    Avere una buona Brand Awareness significa essere popolari, godere di credibilità ed essere riconosciuti dal proprio target come esperti e affidabili. Questo è sicuramente il fattore che più di altri ti permette di vincere online e offline.

    Nel settore ristorativo l’obiettivo finale della Brand Awareness è quello di far associare (posizionamento) al proprio marchio una tipologia di locale e relative caratteristiche come, qualità, affidabilità, concept, attenzione al cliente (customer care).

    Devi mettere in campo una serie di attività che ti aiutano ad aumentare la popolarità del tuo “brand”, così sarà molto più facile acquisire e fidelizzare clienti. Un ristorante il cui nome brand è popolare e gode di credibilità, ha molte più possibilità di incrementare ulteriormente il proprio fatturato.

    Nelle persone scatta in automatico l’associazione mentale più popolare uguale il migliore e affidabile.

    La popolarità è un qualcosa che si costruisce e si migliora anche grazie alle attività di digital marketing.

    Oggi molte persone scelgono di entrare in un ristorante solo dopo aver letto qualche recensione online o aver visitato il sito web piuttosto che il profilo Instagram o la relativa pagina Facebook. A tal proposito se può interessarti l’articolo “come promuovere un ristorante su Facebook e Instagram”.

    Ti sarà capitato di vedere persone ferme fuori dal locale, ancora indecise, che navigano online in cerca di conferme.  Chi già è stato nel tuo ristorante e si è trovato bene tornerà senza problemi, ma per tutti gli altri il processo è un po’ più lungo. Gli utenti online devono accorgersi della tua attività e devono percepire il valore di ciò che proponi.

    Le persone che non sono mai venute a mangiare da te, decidono di prenotare un tavolo solo se convinte che sia la miglior scelta possibile. Ecco perché il brand del tuo locale deve ispirar loro fiducia e trasmettere la sensazione che ne valga la pena.

    Spero di averti chiarito le idee su cos’è il food marketing e come puoi applicarlo al tuo ristorante. Se hai consigli o vuoi condividere una tua esperienza scrivi pure nei commenti. Se invece hai bisogno di una consulenza personalizzata contattami pure.

BONUS GRATUITO

Per acquisire e fidelizzare clienti nel tuo Ristorante devi strutturare una presenza online funzionale ed efficace. L’eBook è un ottimo punto di partenza.  Ho cercato di semplificare al massimo i concetti principali di Digital Food Marketing che ti aiuteranno a sfruttare al massimo le potenzialità del web. Scarica Digital Food Marketing, come acquisire e fidelizzare clienti.

digital food marketing copia

Ti ringrazio per avermi dedicato il tuo prezioso tempo e ti invito a restare sintonizzato su questo blog riccardobinaco.it per usufruire gratuitamente di spunti e risorse utili.

Se invece hai bisogno di sviluppare subito la tua strategia per acquisire e fidelizzare nuovi clienti per il tuo ristorante, richiedi qui la tua consulenza personalizzata.

Scrivi pure nei commenti qualunque domanda o dubbio, sono a completa disposizione. Grazie per avermi dedicato il tuo prezioso tempo.

Ora tocca a te! Buon Business e buona lettura!

food marketing riccardo binaco
riccardo binaco food marketing

Riccardo Binaco è formatore e consulente di digital food marketing, oltre a tenere diversi corsi di formazione, aiuta ristoratori e operatori Food and Beverage ad acquisire e fidelizzare clienti. Nel 2007 ha fondato Digital Web Italia (Dweb), agenzia di sviluppo siti web professionali, campagne SEO, Google e Social Ads.

Write A Comment

Questo sito utilizza i  cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento. Per acconsentire clicca sul pulsante “Accetta”. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, vai alla  Cookie policy.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie! Ciò accade perché la funzionalità o i contenuti contrassegnati come “% SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: click here to open your cookie preferences.