Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie! Ciò accade perché la funzionalità o i contenuti contrassegnati come “% SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: click here to open your cookie preferences.

Quando tutto sembra andar male, ricorda che gli aerei decollano contro vento, non con il vento a favore.

Questa frase di Henry Ford ci fa capire che è arrivato il momento di reagire e di trovare le soluzioni giuste. Forse mai come adesso, abbiamo capito che le soluzioni giuste possono essere trovate grazie al marketing e digital marketing.

Persone che fino a pochi giorni fa a malapena sapevano inviare un sms, ora fanno videochiamate, videochat e aperichat. Questo ci fa capire che improvvisamente, nel momento del bisogno ci si ingegna e si impara molto in fretta.

Molti ristoratori si sono organizzati con il food delivery e stanno cercando di capire come poter ripartire al meglio non appena superato questo momento di emergenza.

Per trovare le soluzioni giuste a tutto questo c’è una sola strada, studiare, capire come personalizzare e migliorare la Food Experience e come promuovere il ristorante.

Sai benissimo che la concorrenza nel settore Food and Beverage è aumentata molto negli ultimi anni e il campo di battaglia dei ristoratori si sposta dalla cucina alle strategie di marketing.

Questo non significa che da ristoratore o chef devi diventare esperto di marketing, ma è determinante acquisire maggiore consapevolezza delle dinamiche di comunicazione digitale per poter prendere le decisioni giuste.

Le statistiche Food in Italia

Le statistiche parlano chiaro (dati Fipe 2019), sono 336mila le imprese registrate sul territorio nazionale. Il dato preoccupante è che per tanti ristoranti che aprono, molti concludono la propria esperienza anzitempo. Il tasso di mortalità imprenditoriale è elevato, dopo un anno di attività chiude il 25% dei ristoranti; dopo 3 anni abbassa le serrande quasi un locale su due, mentre dopo 5 anni le chiusure interessano il 57% di bar e ristoranti.

Ristoranti e Covid-19

Tutto questo succedeva prima della dannosa pandemia da coronavirus e purtroppo ora questa statistica sarà destinata a peggiorare. Nessuno di noi poteva aspettarsi che improvvisamente arrivasse un nemico invisibile a paralizzare l’economia mondiale compreso il settore della ristorazione.

Non vorrei essere blasfemo, ma da un punto di vista economico e strategico digitale questo Covid-19 rappresenta un po’ l’anno zero. Si potrebbe parlare di A.C. e D.C. inteso come prima del coronavirus e dopo il coronavirus.

Durante il periodo dell’emergenza molti ristoranti hanno deciso di chiudere, molti si sono attrezzati e potenziati per il delivery e altri purtroppo forse non riapriranno affatto.

Questa pandemia improvvisa ha obbligato ognuno di noi a cambiare le proprie abitudini, ha spinto molte persone a  formarsi e digitalizzarsi velocemente. Chi non aveva ancora capito la potenzialità del food delivery lo ha dovuto fare in pochi giorni, chi non aveva una buona presenza web e una strategia di digital marketing sta faticando più degli altri.

La storia ci insegna che dopo ogni evento catastrofico ci sono grandi cambiamenti nella società, nell’economia e nel mondo del lavoro. Anche in questo caso molte cose non saranno più come prima: cambieranno alcune abitudini delle persone, si modificherà il modo di gestire di un’attività ristorativa, il modo di comunicare online, persino alcune dinamiche di digital marketing cambieranno.

Per questo penso che il covid-19 demarca una linea più o meno netta tra prima e dopo, possiamo parlare metaforicamente di  A.C. e D.C.

ristoranti marketing covid19

Il digital food marketing come soluzione per il post Covid-19

Da questo quadro della situazione è evidente che non è più possibile improvvisare, sperare di avere successo senza la giusta preparazione o continuare a gestire il proprio ristorante senza aggiornarsi, formarsi e acquisire maggiore consapevolezza sulle dinamiche fondamentali di marketing per la ristorazione.

Non sarà più possibile aprire la serranda del proprio locale e aspettare passivamente che qualche cliente entri dalla porta. Ora è ancor più evidente di prima che ogni imprenditore dovrà andare a intercettare il proprio target ovunque si trovi, catturarne l’attenzione e acquisirli come clienti.

Come un tuo chef segue corsi di aggiornamento e migliora i tuoi piatti, un cameriere (dopo un percorso di formazione) diventa molto più produttivo, ecco, allo stesso modo tu, come imprenditore, devi formarti per migliorare la comunicazione e il marketing della tua attività ristorativa.

Questo ti darà un grande vantaggio competitivo nei confronti di molti tuoi colleghi non appena l’emergenza covid-19 sarà solo un brutto ricordo.

Negli ultimi dieci anni le dinamiche di comunicazione nel settore Food sono cambiate molto velocemente, ma oggi con un po’ di applicazione è facile evitare errori già commessi da altri ed evitare far parte della “sfortunata” statistica letta in precedenza.

Questa crisi dovuta al coronavirus è arrivata nel momento in cui il food era il re incontrastato del panorama mediatico internazionale, e non appena passerà tutto tornerà ad esserlo . Sono diversi anni ormai che molte emittenti televisive riempiono i palinsesti con programmi dedicati a chef famosi, show cooking in cui si sfidano aspiranti cuochi, documentari su piatti e ristoranti in ogni angolo del mondo, insomma decine di format invadono tv e web con l’enogastronomia al centro del progetto.

Perché questo boom? Perché il pubblico ama sempre di più l’esperienza enogastronomica (Food Experience)!

Piattaforme online come TripAdvisor e Google My Business, i blog di cucina, i canali tematici su YouTube, le web app come The Fork, le delivery app come JustEat, Deliveroo e così via. È davvero impossibile stilare un elenco di tutto ciò che ruota attorno all’ enogastronomia, un boom che coinvolge la rete ma anche la vita reale.

Se c’è così tanta attenzione verso il movimento Food and Beverage significa che c’è un indotto sempre più grande e che ci sono molte opportunità di business. Per sfruttarle al meglio però, è fondamentale che ogni imprenditore padroneggi le dinamiche generali del marketing online.

Sempre le statistiche della Fipe 2019 (pre-coronavirus), ci dicono che negli ultimi 10 anni gli italiani hanno mangiato fuori casa molto più spesso e che la spesa media dedicata a ristoranti, bar, enoteche è stata in costante aumento. Il boom del delivery, anche se sarà destinato a scendere leggermente non appena la situazione post Coronavirus torni normale (soprattutto nelle zone rurali), ormai sarà sempre un business su cui dover puntare.

Superata l’emergenza Covid-19 il livello di competizione si alzerà maggiormente. I clienti saranno sempre più consapevoli e più esigenti, da diversi anni ormai si informano, conoscono le materie prime, confrontano più ristoranti, leggono le opinioni di altri clienti.

Il processo decisionale è molto più lungo e la sfida dei ristoratori non può basarsi esclusivamente sulla bontà della proposta enogastronomica, anche se resta un fattore determinante non vince più chi cucina meglio, ma chi riesce a garantire l’esperienza migliore (Food Experience) per i propri clienti.

digital food marketing

Chi gestisce un ristorante, piccolo o grande che sia, è un imprenditore. Come ogni imprenditore ha moltissimi aspetti da tenere sotto controllo e nello stesso tempo deve guidare la propria attività da un duplice punto di vista: operativo e strategico.

So benissimo che non è facile tenere tutto sotto controllo e occuparsi anche di marketing e digital marketing, infatti non ti sto dicendo di farlo da un punto di vista operativo, ma solo strategico.

Non puoi pensare di delegare totalmente a consulenti esterni il tuo marketing ( e ti sta parlando un consulente esterno di food marketing) e lasciare che siano loro in totale autonomia a pianificare obiettivi e strategia per la tua azienda ristorativa.

L’attività è tua, l’imprenditore sei tu e devi saper collaborare con il consulente di digital marketing a cui ti affidi, per farlo devi conoscere almeno le dinamiche basilari del food marketing.

Io ho brevettato un metodo per aiutare i ristoratori ad acquisire e fidelizzare clienti, e posso assicurarti che funziona molto bene. I risultati migliori li ho ottenuti sempre quando c’è collaborazione con l’imprenditore, quando trovo davanti a me una persona che ha voglia di capire e imparare alcuni aspetti fondamentali del marketing.

Il vero direttore d’orchestra devi essere tu, io non devo prendere il tuo posto, ma consigliarti e sviluppare la strategia che abbiamo condiviso insieme.

Se stai leggendo questo articolo significa già che fai parte di quegli imprenditori che hanno capito l’importanza di aggiornarsi e formarsi.

Sicuramente hai capito che saper cucinare e essere un bravo imprenditore che segue le dinamiche “tradizionali”, non bastava già prima e a maggior ragione non basterà dopo questa crisi. Presto tutto tornerà come prima e vinceranno le attività che sapranno far tesoro di questa pandemia improvvisa.

Cosa si è capito nei primi 2 mesi di emergenza?

Analizzando i dati durante questo periodo di emergenza si riesce già a capire qualcosa:

  1. Nella ristorazione la maggior parte dei locali in Italia rimasti aperti in questo momento sono quelli attrezzati e digitalizzati per il food delivery.
  2. Nel commercio stanno lavorando esclusivamente gli ecommerce che nel tempo erano riusciti a fidelizzare il proprio target.
  3. Nel mondo del business, le aziende che avevano puntato sulla digitalizzazione e investito sullo smartworking stanno avendo qualche difficoltà in meno delle altre.

Non si può tornar indietro nel tempo, ma si può e si deve andare avanti. La riflessione che da ristoratore e imprenditore nel Food and Beverage ti invito a fare è questa:

Come potranno aiutarmi tecnologia e digital marketing a ripartire più velocemente possibile?

Noi imprenditori Italiani a volte ci arriviamo tardi, ma quando arriviamo, troviamo soluzioni che gli altri neanche immaginavano.

Spero di averti dato degli spunti utili con questo articolo, fammi sapere nei commenti cosa ne pensi e se vuoi approfondire l’argomento Food Marketing ti consiglio di scaricare l’eBook gratuito Digital Food Marketing.

Buon Business!!


food marketing riccardo binaco
riccardo binaco food marketing

Riccardo Binaco è formatore e consulente di digital food marketing, oltre a tenere diversi corsi di formazione, aiuta ristoratori e operatori Food and Beverage ad acquisire e fidelizzare clienti. Nel 2007 ha fondato Digital Web Italia (Dweb), agenzia di sviluppo siti web professionali, campagne SEO, Google e Social Ads.

BONUS GRATUITO

Il sito del tuo locale è la tua immagine online. Deve essere sempre accogliente, ordinato e mostrare al meglio la tua attività. Se vuoi approfondire l’argomento ti consiglio di scaricare l’ebook gratuito “Ristoranti, il sito web che funziona”. Scaricalo da QUI.

ebook ristoranti web marketing

Write A Comment

Questo sito utilizza i  cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento. Per acconsentire clicca sul pulsante “Accetta”. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, vai alla  Cookie policy.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie! Ciò accade perché la funzionalità o i contenuti contrassegnati come “% SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: click here to open your cookie preferences.