Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie! Ciò accade perché la funzionalità o i contenuti contrassegnati come “% SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: click here to open your cookie preferences.

Oggi, chi possiede un ristorante, si trova in concorrenza con altri professionisti come lui, non solo in cucina, ma anche nel settore digitale.

8 Strategie di Food Marketing per ristoranti

Sinora, chi fa ristorazione è stato abituato a competere soltanto nella sfida del gusto. Da qualche anno a questa parte invece il campo si è allargato a tutti e 5 i sensi, con una grande fetta occupata dal “palato visivo“.

Come dico spesso, oggi il cliente va fatto prima mangiare con gli occhi. L’essere soddisfatti con il gusto è qualcosa che chi si siede ai tuoi tavoli da per scontato anticipatamente.

Naturalmente, è anche ovvio che per essere in grado di sostenere economicamente il locale, la base principale è il saper cucinare del buon cibo.

Ma ormai, se vuoi fare quello step in più per aumentare il numero di clienti del ristorante, devi farceli entrare nel locale e questo puoi ottenerlo creando desiderio verso i tuoi piatti.

Come fare? Qualche foto pubblicata sui social non basterà. Serve qualcosa in più. Serve una tua strategia di food marketing, cucita su misura addosso al tuo cliente ideale.

Te ne voglio suggerire qualcuna che puoi fare in autonomia con un minimo di impegno.

 

  1. Posizionamento del marchio nel tuo ristorante

food marketing positioning

 

Per posizionamento si intende l’immagine che vuoi dare alla gente del tuo ristorante. Che ristorante è il tuo? Un bistrot o un locale di lusso? Una trattoria o un locale specializzato in pesce crudo?

Se il piatto forte della tua cucina è il pesce, in una zona dell’entroterra ad esempio devi posizionarti come il miglior ristorante di pesce rispetto alla poca concorrenza che probabilmente avrai.

In secondo luogo devi stabilire qual è il tuo target di clienti: sono le famiglie medie o miri a persone facoltose? Magari invece, se ti trovi in un quartiere pieno di uffici, potrebbero essere i loro dipendenti.

Prima di fare qualsiasi cosa in ambito di food marketing è essenziale essere sicuri del tipo di target di persone più idoneo al proprio locale. Una volta definito, puoi iniziare l’attività di posizionamento e marketing.

 

  1. Riconoscibilità del Brand

food marketing brand

 

Uno degli ingredienti più importanti su cui si concentrano i professionisti del marketing è la riconoscibilità del brand, in questo caso del ristorante.

Quando un marchio è riconoscibile, viene identificato al volo dalle persone ovunque si trovi: su un volantino, una bacheca social e ovunque.

La riconoscibilità inizia con con la progettazione del logo. Una volta trovato il design giusto deve essere presente ovunque: nella tua insegna, nel menu, nel sito, nei tuoi social, nei volantini, nelle brochure e in qualsiasi altra parte dove sei presente.

Molti locali lo fanno incidere con il laser anche su posate e bicchieri

 

  1. Trova la tua USP e comunicala nel modo giusto

 

FOOD Unique Selling PROPOSITION

 

USP sta per Unique Selling Proposition e significa proposta di vendita unica. C’è un gran vantaggio nell’essere un USP perché è l’essenza di ciò che rende il tuo prodotto o servizio migliore dei concorrenti.

L’USP è il tuo principale elemento di differenziazione e anche il motivo per cui il tuo cliente acquisterà da te. La differenziazione deve essere una parte importante della tua strategia di marketing per attirare nuovi clienti nel ristoranti.

Ma come può un ristorante avere una USP? Te lo spiego con qualche esempio.

Prima di iniziare, devi avere una risposta alla seguente domanda:

Perché i clienti dovrebbero mangiare nel tuo ristorante e non in quello vicino a te?

Tieni presente che la tua risposta non dovrebbe essere :

  • Ho un’ottima posizione
  • Ho il miglior rapporto qualità/prezzo
  • Offro cibo buonissimo e il servizio migliore

Questi non sono valori aggiunti, sono parametri soggettivi e non oggettivi. Affinché il tuo USP sia efficace, devi prendere gli elementi che contraddistinguono oggettivamente tua attività e metterli insieme in poche parole chiare e intense.

Qualche esempio:

Domino’s Pizza  come esempio di come ha rivoluzionato il settore della pizza negli Stati Uniti. USP: ” Pizza fresca calda consegnata a casa tua in meno di 30 minuti o è gratis! Garantito”.

Starbucks offrono frullati e colazione con servizi per uomini d’affari o studenti. Come fosse un ibrido tra un posto “fico” dove bere il caffè e un cooworking dove studiare o lavorare.

Il Bene Così Rock Burger è un popolare locale di Torino con una ricca proposta culinaria basata su hamburger, aperitivi e caffetteria di qualità accompagnati da musica rock! Il locale si ha trovato una sua unique sell proposition dotandosi di un magnifico Bus Food Truck che propone cibo di strada gourmet al ritmo di musica. Un Food Truck disponibile anche per eventi Street Food, catering, matrimoni, feste private e aziendali.

Old Wild West Fondato nel 2002, oggi conta moltissimi franchisee nel territorio italiano. Un vero e proprio ristorante con la qualità e il gusto italiano e un richiamo al “vecchio west” non solo nel nome, ma anche nell’arredamento. Quando si entra in un Old Wild West si torna al 1855. Questo è sicuramente un esempio di USP.

Ci sono ristoranti che cucinano piatti esclusivamente con prodotti biologici. Questi locali si posizionano nella testa delle persone come il miglior posto dove andare a farsi una bella mangiata, senza fare del male al proprio corpo.

Pensa ad esempio a quanta gente soffre di intolleranze alimentari. Quante persone potresti attrarre se ti posizionassi come ristorante che cucina ricette scritte da un nutrizionista con una vasta scelta di piatti adatti per la maggior parte delle intolleranze?

 

  1. Blog

food marketing blog

 

Accanto al branding e al posizionamento, devi trovare il modo per farti trovare online. Per fare questo ci si affida alla SEO, quella branca del marketing che si occupa di visibilità delle aziende sui motori di ricerca (es. Google).

La tua strategia SEO deve iniziare per forza con un blog integrato nel sito web del ristorante.

Il Blog ti permette di comunicare i tuoi valori e di allargare il pubblico collegandolo con le tue piattaforme di social media come Facebook, Instagram, YouTube, Twich o altro, in modo che ogni post vada a raggiungere il maggior numero di persone possibile.

Il Blog è senza dubbio il miglior canale di comunicazione attraverso il quale creare un grande seguito per il tuo brand.

Se puoi fare le cose in grande, potresti ogni tanto invitare a collaborare un food blogger professionista o un influencer di settore, chiedendo loro di recensire o scrivere qualcosa sul tuo locale.

Questa strategia consente di allargare in poco tempo la propria platea di pubblico e di far acquisire popolarità e autorità sul web al tuo ristorante.

 

  1. Email marketing

email marketing ristorante

 

Una parte importante della tua strategia di Food Marketing è quella di mettere su un piano di email marketing. Significa che devi avere un sito web con delle sezioni che invitino le persone ad iscriversi alla tua newsletter.

Una volta iscritte, dovrai nutrire i tuoi contatti con delle email periodiche che propongono sconti o inviti ad eventi, con lo scopo di farle entrare nel locale e fidelizzarle.

Non è scontato però che una persona decida di darti la sua email. Dovrai stimolarla dando qualcosa in cambio. Può funzionare uno sconto, una bottiglia di vino omaggio alla prima volta che verranno a mangiare o altre idee del genere.

Le e-mail sono facili e veloci da inviare e tutto ciò di cui hai bisogno sono elenchi di indirizzi di posta elettronica di clienti potenziali e attuali. L’obiettivo è mantenerli sempre coinvolti e legati da un filo diretto alla tua attività. Quando poi dovranno scegliere il posto dove andare a cena, sicuramente si ricorderanno di te.

  1. Marketing sui social media

instagram-per-ristoranti

 

I social media sono la maniera migliore per far uscire i tuoi piatti dalla cucina. Belle immagini del cibo e del ristorante hanno sempre un ottimo impatto sulla gente.

Instagram è una delle piattaforme più idonee per promuovere un ristorante, perché basato sulle immagini . Le persone adorano fare clic sulle immagini del cibo. In più, non solo puoi pubblicarci le foto dei tuoi piatti, ma anche avere l’opportunità che le persone le condividano o facciano commenti positivi, il che equivale ad avere buone recensioni.

  1. Eventi

food marketing eventi

 

Ora che hai capito come allargare la tua platea di pubblico e di potenziali clienti, attraverso il blog, le email e i social, hai tutti gli strumenti necessari per poter pubblicizzare eventi e offerte.

Gli eventi, in occasione di festività particolari, funzionano sempre, anche senza spingere troppo. Se vuoi aumentare le serate da tutto esaurito quindi, dovrai inventare tu degli eventi.

Potresti organizzare serate per degustazioni, oppure prendere accordi con aziende del posto per organizzare serate particolari, come una sfilata di moda insieme ad una sartoria o piccoli mercatini dell’artigianato. Ma anche serate a tema (serata anni 80, serata western,  serata Star Wars, eccetera). Solo la poca fantasia può ostacolare questo.

Per incoraggiarti ti dico una cosa. Il fondatore di Twitter, Jack Dorsey, una volta disse: “fai una cosa in più rispetto alla concorrenza e diventerai ricco”.

 

  1. Reinventa la tua immagine

cambiamento-santa-claus-coca-cola

 

Se il tuo ristorante ha già una sua immagine che non è più attuale e che non attira più i clienti, forse potrebbe essere arrivato il momento di cambiarla, dando una bella rinfrescata.

Quando noti che i clienti calano in favore di nuovi ristoranti, non devi avere paura di rilanciare con un rinnovamento.

Ti racconto un aneddoto.

Santa Claus, il Babbo Natale americano, originariamente era vestito di verde. Fu la Coca Cola per prima a vestirlo di rosso per pubblicizzare la sua bevanda. Il risultato fu che ancora oggi anche in America Babbo Natale è vestito di rosso.

La cosa a cui fare attenzione è quella di saper capire se è il momento di farlo, ovvero se il calo è dovuto ad un’effettivo “invecchiamento” del modo di proporsi, oppure se è dovuto al fatto che da parte tua c’è stato un calo di attenzione o un errore strategico.

 

 

riccardo-binaco-consulente-di-marketing-alimentare
riccardo binaco food marketing

Riccardo Binaco è formatore e consulente di digital food marketing, oltre a tenere diversi corsi di formazione, aiuta ristoratori e operatori Food and Beverage ad acquisire e fidelizzare clienti. Nel 2007 ha fondato Digital Web Italia (Dweb), agenzia di sviluppo siti web professionali, campagne SEO, Google e Social Ads.

Write A Comment

Questo sito utilizza i  cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento. Per acconsentire clicca sul pulsante “Accetta”. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, vai alla  Cookie policy.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie! Ciò accade perché la funzionalità o i contenuti contrassegnati come “% SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: click here to open your cookie preferences.